carlo/ Marzo 11, 2020/ pensierinlibertà/ 0 comments

Casa dolce casa!

quante volte ho detto questa frase quando restavo tra le pareti domestiche o quando stavo in ascensore per tornare a casa.

Quante volte non vedevo l’ora che arrivasse il tempo per uscire ed andare a lavoro o ad incontrare gli amici.

Invece oggi come tutti, la casa è un luogo non solo di protezione ma anche di contenimento delle proprie paure.

evitiamo di sentirci in gabbia, presto finirà

Non tutti siamo fortunati allo stesso modo , anzi alcuni sono decisamente sfortunati.

La casa è un tetto sotto cui stare ed essere amati, ma dal quale qualche volta si viene cacciati o si decide di fuggire. D’altro canto tutte le persone che mi seguono sanno che è per questo che abbiamo inventato il progetto della casa accoglienza. Eppure come non pensare in questi momenti a tutte le persone sprovviete di casa o di quelle in sofferenza per abitazioni non idonee. In alcuni casi lo stare in casa può essere maggiormente sofferente che stare altrove.

Questa esperienza del #Covid19 deve farci riflettere sulla necessità di impegnarci tutte e tutti in modo più concreto per l’attuazione ed il sostegno di politiche pubbliche per alloggi decorosi e dignitosi per tutte e tutti.

#iorestoacasa perchè voglio ancora cambiare le cose e perchè voglio difendere sia le persone che conosco che quelle che non conosco, fallo anche tu.

Share this Post

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*
*