carlo/ Marzo 14, 2020/ Uncategorized/ 0 comments

Andrà tutto bene

Tutti conosciamo l’ assenza di senso civico di molti e molte Napoletani e nell’immensa area metropolitana di Napoli, che i romantici chiamano arrangiare o “creatività partenopea” e che altri chiamano semplicemente #illegalità e che per altri ancora è Folklore.

Eppure, dei molti critici di oggi, dei leoni da tastiera, nessuno di loro parla della grave promisquità di una grande fetta di abitazioni di Napoli, e della manifesta incapacità dei sistemi sociali di controllare e gestire le fasce marginali. Nessuno scrive post che raccontando dei “Vasci” e delle malsane condizioni abitative che ancora oggi persistono e per cui gli enti locali non hanno fatto nulla nel corso degli ultimi 30 anni e che andrebbero chiusi e delocalizzati in vere abitazioni pubbliche salubri e dignitose, mai costruite.

Liberare i “Vasci” a Napoli per ridarli alla destinazione d’uso prevista per legge? Mai attuato un progetto, macchè ,a Napoli ci hanno fatto, B&B, tuor del vascio, ci fanno addirittura ristoranti e, nella pura illegalità si da permesso di vivere ad intere famiglie di cittadini connazionali e gran parte migranti, stipati come bestie una sull’altra ed a cui si certifica anche la residenza.

Nei “Vasci” ci sono i grandi elettori di molti politici che nulla cambiano, affinchè nulla cambi in quelle zone rosse in cui neppure la stampa e le forze dell’ordine possono entrare liberamente, zone in cui ad ogni angolo ci sono baby boss pronti a difendere il territorio come veri adulti.

Ahhh già, per alcuni a Napoli non si controlla…. , perchè far rispettare le regole vuol dire approvare lo #StatodiPolizia, quindi meglio l’assedio della Camorra che lo Stato di Polizia.

Quindi può succedere che a Napoli i rapinatori nella narrazione pop divengano “la lotta del proletariato verso il capitale” o che i rapinati rappresentino “i padroni oppressori”. I tutori dell’ordine, a cui si mettono le corone d’alloro per il valore militare il Giovedì, il Sabato diventano ” ‘e gguardie” e chi le invoca per proteggere i cittadini dalle illegalità con l’uso costituzionale della forza di polizia diventa il Pinochet.

Cerco di dare altre letture… L’emergenza coronavirus, può essere, attraverso l’uso più forte delle forze armate con quelle di polizia, quello”stato di polizia” che blocca lo spaccio e quindi l’economia della Mafia.

Dal mio punto di vista oltre al dovere di proteggere la salute pubblica, si deve “ripulire la società dalla criminalità” per cui il fermo è necessario. La Camorra, la Mafia le piazze di spaccio come si stanno attrezzando? Certo è, che una delle prime cose fatte è stata la “rivolta dei penitenziari” con relativa evasione di massa a Lecce.

Certo è, che io vorrei più informazione su tutti i contagi, maggiore protezione pubblica e controllo dello Stato anche nei circuiti privati laddove esiste o ci possa essere promiscuità ed assenza di una gestione igienico sanitaria anche ordinaria. Si deve parlare di tutte le infezioni e dei rischi, sempre, a partire dalle scuole, i giovani devono conoscere con il covid19 anche di gonorrea, sifilide, hiv. Perchè si parla ai giovani di coronavirus ma non si parla di droghe, dipendenze, di educazione al contrasto delle epidemie di HIV, non si parla di Alcoismo, di violenza misogina . In tv non si parla di tutte le donne costrette a vivere, durante questa emergenza, con i maltrattanti, non si parla neppure del terrore dei loro familiare, non si parla di salute mentale, dei senza tetto… come se fossimo tutti sani, equilibrati e #puliti in quarantena nelle nostre belle e salubri case. E non è così.

Prendiamoci questo tempo vitale per guardarci allo specchio, per respirare e per dare un senso al vostro respiro, perchè come dice mio marito, anche lo scorreggiare di 7 miliardi di uomini e donne inquina ed uccide il mondo.

Come diceva mio nonno Tommaso “siamo pieni di Idiozia congenita” se non cambiamo atteggiamento con uno responsabile, serio e solidale se non chiediamo aiuto, se in “crisi” mettiamo a rischio tutte le persone con cui entriamo in contatto per puro egoismo.

A chi vuole proteggermi io lo difendo, perchè “il diritto” senza “la salute” è un concetto astratto perchè, senza le persone vive, il diritto non esiste. Il primo diritto è alla SALUTE alla vita ed io sono disposto a perdere qualche diritto accessorio in modo temporaneo per fermare questa pandemia. Sono altresì pronto alla lotta se questa protezione divenisse un sopruso, sarei pronto a liberarmi senza esitazione.

Allo stesso modo, sono dell’idea che ci dobbiamo liberare dell’idiozia.

Consideriamo che questo virus possa essere la difesa estrema della terra da noi altri, che siamo invece la peste del Mondo? Il #covid19 ci darà tempo per pensarci ed eventualmente per capire se cambiare, se campare o se perseverare.

Le critiche pesanti che girano sui social tra “politici”, in alcuni casi sono critiche che rasentano il dileggio e l’offesa. Le stesse frasi fatte e le stesse accuse creano un’area politica omogenea, da avversari politici che discreditando attuano quel contrasto che faranno pagare a noi tutte e tutti , sulla nostra salute, il prezzo della loro stessa ambizione.

Il pugno duro verso le illegalità, avrebbe potuto affrontare e risolvere le cause sociali che derminano le condizioni per cui la stessa illegalità si trova a crescere indisturbata, fino a costruire quelle enclavi in cui Salvini ha fatto breccia con la xenofobia e l’intolleranza.

Share this Post

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*
*